75 days to go to the AFC Asian Cup, UAE 2019

Massimo Cecchini: Less is more for Serie A as it starts a diet

Che noia la Serie A: Meglio Metteral a dieta

Evviva, il campionato di Serie A è finito! La Juventus ha vinto con 102 punti, macinando record su record e lasciando la seconda in classifica, la Roma, a 17 lunghezze di distanza. Non basta. Anche la stessa Roma ha fatto registrare diversi primati storici, senza contare che – grazie ai suoi 85 punti – in due stagioni su tre avrebbe vinto lo scudetto. Insomma, a pensarci bene, se si pensa allo spettacolo c’è davvero da esultare? Basta una considerazione: chiusa la lotta scudetto con grande anticipo, l’ultima giornata di campionato non è servita neppure per definire la lotta salvezza, già decisa in precedenza. L’ultimo brivido, pensate un po’, è stato quello regalato da Parma e Torino nella sfida a distanza che valeva il sesto posto e quindi l’accesso ai preliminari della Europa League. Un po’ poco per emozionare i fan di quelli che una volta, pomposamente, chiamavamo “il campionato più bello del mondo”.

E allora è tornata alla ribalta la considerazione più banale del mondo: per il nostro calcio un torneo a 20 squadre, con 38 partite, è fuori misura perché poco competitivo. Fatto per accontentare la bulimia delle tv, il prodotto finale finisce per essere così modesto da non piacere più neppure ai committenti. L’ideale perciò sarebbe tornare a 16 squadre, ma la dieta sarebbe troppo drastica e così tutto lascia pensare che, dal 2015, ci si ritroverà con una Serie A a 18 squadre.

“E’ una riflessione che stiamo facendo”, ammette Beretta, presidente della Lega. Ed il momento è quello giusto, visto che si stanno per vendere i diritti relativi ai campionati 2015-2018 e la stessa Lega si è riservata il diritto di scendere appunto a 18 squadre.

Attualmente gli abbonati alle pay tv che guardano il calcio sono circa 5 milioni: 3,2 per Sky e 1,9 per Mediaset Premium. Negli ultimi 2-3 anni si sono persi per strada 350mila clienti ed è proprio questa fetta di delusi che si cercherà di recuperare nel prossimo triennio. Per farlo, la Serie A si aprirà anche a internet. Finora le dirette delle partite erano off limits, salvo che per gli utenti delle pay attraverso SkyGo e Premium Play. Vodafone e Tim, pagando 4 milioni, possono al momento trasmettere le partite solo sui dispositivi mobili: la connessione wi-fi è vietata. Insomma, poca roba. Dal 2015 tutto cambia. Accanto al pacchetto per il satellite e a quello per il digitale terrestre, ce ne sarà pure uno per il web. A chi interessa? Telecom, dopo l’accordo con Sky che le consentirà di trasmettere sulla propria rete i contenuti dell’emittente, si è autoesclusa dalla contesa. Restano Vodafone e Fastweb. L’obiettivo di Lega e Infront è di incrementare di alcune decine di milioni gli introiti dai diritti premium rispetto agli attuali 829 milioni pagati da Sky e Mediaset. Cifre non all’altezza dei campionati ora al top, ma d’altronde occorre proporre uno spettacolo all’altezza. Per questo la Serie A “dimagrita” sarà benvenuta sotto tutti i punti di vista.

Massimo Cecchini is a football writer for La Gazzetta dello Sport

Less is more for Serie A as it starts a diet

Hooray, the Serie A has finished! Juventus won with 102 points, grinding out record after record and leaving second-placed Roma, 17 lengths away. There is more. Even Rome itself has seen several historic firsts, not to mention that – thanks to their 85 points – in two seasons out of the last three that points total would have won the Scudetto.

I mean, think about this, the Serie A show has really nothing to cheer about at the moment? Just an observation: there was no fight for the championship that could capture the imagination and anticipation of great things to come, the last day of the season did not even serve up a relegation battle – that had already been decided in advance. The ultimate last day ‘thrill’, was presented by Parma and Turin in the challenge – at a distance – for sixth place and access to the preliminaries of the Europa League . A little ‘little’ to excite the fans who once pompously called Serie A “the most beautiful championship in the world.”

And so with the games over conversation has turned from action on the pitch to discussion of whether our football tournament of 20 teams, with 38 games has become too much as it is no longer competitive. Created to please the bulimia of tv, the final product ends up being not so fulfilling for the customers. Some change is needed. The ideal would be to go back to a 16 team league, but this kind of diet is too drastic, At present everything suggests that, from 2015, we will end up with a Serie A reduced to 18 teams .

“It’s an idea that we are progressing,” admits Maurizio Beretta , president of the League. And the time is right, as the league is in negotiation for the TV rights to the 2015-2018 championships and the League itself has reserved the right to come down to just 18 teams .

Currently subscribers to pay TV football are about 5 million : 3.2 million for Sky and 1.9 for Mediaset Premium. In the last 2-3 years they have been lost about 350,000 subscribers and it is this slice of the disappointed TV subs market that they will try to recover in the next three years.

To do so, Serie A is also opening up to the internet. So far, the live matches have been off-limits on the web, except for paid users – through premium SkyGo and Play. Vodafone and TIM (Telecom Italia Mobile), paying €4 million, can currently only broadcast the games on mobile devices – wi-fi is prohibited. In short, they don’t have much.

In 2015 everything will change. Alongside the rights packages for satellite and digital terrestrial television, there will also be one for the web. Who cares? Telecom might not, after the deal with Sky which will allow it to broadcast its content on their platform, which takes it out of contention for the web rights. But Vodafone and Fastweb remain in the bidding.

The goal of the League and its agency Infront is to increase by tens of millions its revenue from premium rights from the current €829 million paid by Sky and Mediaset. The value of the league does not currently meet the amount being being paid by rightsholders, hence it is necessary to find a structure that will get more viewers to show up. For this reason, a ‘ thinner’ Serie A will be welcome from all points of view.

Massimo Cecchini is a football writer for La Gazzetta dello Sport